Sardegna Clima Onlus

Switch to desktop

Le piogge in Sardegna: Settembre 2010

In Sardegna chiude quasi ovunque sotto la media pluviometrica il mese di settembre 2010, primo mese dell'autunno meteorologico. L'inizio della stagione delle piogge non ha mai un periodo ben definito nell'isola: talvolta il cambio di circolazione avviene alla fine di agosto, più spesso da metà settembre fino a metà ottobre, ma non sono rari gli anni in cui buona parte della Sardegna vede le prime grandi piogge della stagione a novembre o addirittura a dicembre.
I dati raccolti dai 69 pluviometri parlano chiaro: soltanto nelle Baronie e parte della Gallura le precipitazioni hanno raggiunto e superato la media, nell'Iglesiente ci si è avvicinati mentre nel resto dell'isola la situazione è critica: 3 pluviometri non hanno registrato precipitazioni, quasi il 50% non raggiunge i 10 mm e soltanto il 12% raggiunge la media.

Le precipitazioni più intense, molto localizzate, si sono avute durante alcuni temporali che hanno colpito i settori nord-orientali dell'isola e in minor misura il sud tra il 2 e il 3 settembre, dovuti al transito di una perturbazione proveniente dalla Spagna. La stessa ha espresso le sue massime potenzialità nel Mar Tirreno, dove durante la notte del 2 si è formata una cella temporalesca di notevole dimensione e intensità, con fulminazioni ben visibili anche dalla costa occidentale sarda. Durante quella notte si sono registrati oltre 100 mm a Siniscola e 65 a Biasì, frazione di Padru; nel cagliaritano invece gli accumuli si sono fermati al di sotto dei 10mm, mentre nell'iglesiente si sono sfiorati i 20mm.
Il pomeriggio del 3 si è registrata una moderata attività convettiva, con lo sviluppo di temporali nelle zone interne dell'isola. Un temporale di modeste dimensioni si è abbattuto nella zona del Monte Arci, tra Terralba e Ales in provincia di Oristano, purtroppo la mancanza di pluviometri non ci consente di conoscere l'entità degli accumuli (ricordiamo che in queste condizioni è molto difficile realizzare una mappa precisa in quanto i fenomeni temporaleschi di origine cconvettiva sono spesso circoscritti e capita che la zona interessata non sia coperta da strumentazione).

Intorno alla metà del mese l'ingresso di aria fredda dal nord Atlantico ha generato un minimo di pressione sul Golfo di Genova in movimento verso sud-est, favorendo locali precipitazioni nel nord dell'isola, ma di scarsa entità.

Durante la terza decade infine il passaggio di un fronte collegato ad una depressione di origine atlantica ha determinato cieli coperti su tutta l'isola nel giorno 24 con precipitazioni diffuse ma di debolissima intensità. Da segnalare infine il rapido passaggio nuvoloso nel sud-ovest dell'isola la mattina del 30 settembre: la stazione di Iglesias ha registrato 14,2 mm.

Uno sguardo ora alle mappe e alle tabelle riassuntive:

Località più piovose e meno piovose:

Cumulato totale: mappa riassuntiva
Rapporto cumulato / media: surplus e deficit

Rapporto cumulato / media: mappa riassuntiva

Sardegna Clima Onlus - Cod. Fisc. 93040750916 - Sede Legale: Via S.Satta 1 - 08023 Fonni (NU) - Contatti: E-mail. info@sardegna-clima.it

Top Desktop version