Sardegna Clima Onlus

Switch to desktop

Enti e Dati

STORIA E INFORMAZIONI SUI RILEVAMENTI CLIMATOLOGICI IN SARDEGNA

Lo studio della climatologia tramite misurazioni affidabili, ha origine nell’isola già dalla fine dell’800, con dei rilevamenti termici e pluviometrici locali relativi alle più grandi città della regione, questi si presentano però frammentati e di difficile reperibilità.
Solo dal 1922 ha inizio una completa campagna di monitoraggio ad opera dell’ente idrografico, che prevede l’installazione di centinaia di stazioni meteo per la rilevazione dei principali parametri atmosferici, cioè temperatura e pluviometria dei vari paesi.
La rete prosegue, le sue rilevazioni, affiancata alle stazioni della aeronautica militare, fino al 1995, anno in cui diviene operativo il Sar (servizio-agrometeorologico-regionale), le funzioni sono simili a quelle dell’ente idrografico, che resterà comunque operativo. Le tecnologie utilizzate dal sar sono notevolmente superiori e permettono un monitoraggio climatico a distanza e in tempo reale, oltre alla prima diffusione dei dati climatologici in rete a partire dalla fine degli anni 90.
Dai primi anni 2000, con lo sviluppo delle tecnologie e la riduzione dei prezzi, è partita una diffusione dei rilevamenti amatoriali resi pubblici in rete.
Dal 2005 pure l’ente idrografico, che ha mantenuto operative molte stazioni storiche, si è dotato di una prima rete di stazioni meteo con trasmissione dei dati via radio direttamente alla centrale operativa, tuttavia questi non sono consultabili liberamente in rete.

 

ENTE IDROGRAFICO:

E’ il più antico ente di monitoraggio climatico della Sardegna ed ha una storia piuttosto lunga, che parte dal 1922.
I rilevamenti venivano curati da privati a cui veniva affidato un pluviografo e un termometro in capannina in legno. Il compito dell’operatore era quello di stilare compilare un modulo di osservazioni giornaliere, essenzialmente con temperatura massima, temperatura minima. Le osservazioni venivano compiute alle 9 del mattino, perciò il giorno di rilevamento andava dalle 9 del mattino fino alle 9 del giorno seguente, non come avviene attualmente da mezzanotte a mezzanotte del giorno seguente.
I dati rilevati da questo ente non godono però di una buona affidabilità. Analizzando gli annali idrografici si notano spesso serie di giorni con la stessa massima o stessa minima, giorni di pioggia mancanti o giorni con pioggia in giornate di sole. Una analisi basata su questo tipo di dati deve perciò essere fatta tenendo conto dell’andamento climatico rilevato nelle stazioni vicine, per evitare il più possibile di incorrere in errori.
Solo negli ultimi anni, in seguito al progresso tecnologico che si è riusciti a realizzare una rete di oltre 50 stazioni meteorologiche, che trasmettono i dati in maniera automatizzata alla sede operativa, dove vengono opportunamente archiviati.

Dove si trova attualmente la sede operativa dell’ente?

Attualmente l’ente è operativo presso la sede di Santa Gilla a Cagliari, all’ultimo piano del palazzo in vetro presente affianco alla città mercato. Mancando un sito internet relativo a questo ente le informazioni in rete sono piuttosto limitate.

Come possono essere reperiti i dati?

Gli annali dell’ente idrografico, per periodi antecedenti al 1990, sono consultabili nelle biblioteche di Ingegneria Idraulica o di Geologia a Cagliari. I dati successivi al 1990 si possono richiedere gratuitamente direttamente all’ente, tramite però alcune formalità burocratiche. I dati successivi al 2005 sono a pagamento, con un prezzo di circa 5 euro per anno richiesto. Agli studenti viene applicata una tariffa pari al 20% del prezzo normale. I contatti sono raggiungibili mediante il seguente link

AERONAUTICA MILITARE (AM)

Con le sue stazioni meteo effettua un affidabile monitoraggio di temperatura, vento, precipitazioni, pressione, umidita, relativo a circa 10 stazioni. I dati sono presenti in rete all’indirizzo dell’ AM.
La qualità dei dati è molto buona, data l’importanza delle osservazioni per il volo aereo e la previsione meteorologica.
Tuttavia la scarsità di stazioni meteo, e la concentrazione di queste lungo le coste, ci aiuta poco a capire le varie sfaccettature del clima isolano.

Dove posso reperire i dati?

I dati storici, possono essere reperiti in vari siti internet tra cui QUESTO.

ARPAS

Viene istituito nel 1990 dalla regione, ma diviene operativo dal 1995. Conta attualmente più di una quarantina di stazioni agro meteorologiche, che oltre a valutare i classici dati di temperatura e precipitazioni, rilevano pure: vento, umidità del suolo e umidità atmosferica, temperatura del suolo, irraggiamento, evapotraspirazione. Tutti indici utili ai fini di un dettagliato e completo monitoraggio agrometeorologico.
La qualità dei dati è molto buona, di rado qualche stazione presenta il simbolo N.P. (non pervenuto), l’ente assicura comunque che questi dati vengono recuperati in un secondo momento.

Le stazioni trasmettono via radio alla sede centrale, dove i dati vengono elaborati e archiviati opportunamente. Le stazioni sono però il più delle volte extraurbane e alle volte non rispecchiano le condizioni climatiche del centro abitato con il quale nome sono indicate, a causa proprio della distanza.

Come reperire i dati?

Nel sito del Sar sono presenti dei riepiloghi mensili, con qualche dato, tuttavia per avere dei dati dettagliati bisogna fare richiesta all’ente stesso, dovendo pure sborsare qualche soldo. La sede operativa è a Porto Torres e le informazioni sono presenti a questo indirizzo: CLICCA

Sardegna Clima Onlus - Cod. Fisc. 93040750916 - Sede Legale: Via S.Satta 1 - 08023 Fonni (NU) - Contatti: E-mail. info@sardegna-clima.it

Top Desktop version