Sardegna Clima Onlus

Switch to desktop

Le precipitazioni nel mese di Febbraio in Sardegna

Il mese di febbraio chiude sotto media pluviometrica in buona parte dell'isola, eccezion fatta per il Sulcis-Iglesiente, Cagliaritano e alcune zone della Gallura. Questo Febbraio 2010 sarà però ricordato per l'estesa nevicata del giorno 12, che ha interessato quasi tutta l'isola, con accumuli sopra i 100 metri di quota (localmente anche meno) e fiocchi che sono caduti perfino nel capoluogo della regione: in buona parte dell'isola quindi gli accumuli di precipitazione del 12 Febbraio (tra i 5 e i 15 mm) sono da considerarsi sottoforma di neve.

La zona più piovosa risulta ancora una volta il Sulcis-Iglesiente, dove continua l'anomalia pluviometrica positiva sulla linea di gennaio e dove i pluviometri di Domus de Maria (139.6mm), Villacidro (100.4mm) e Iglesias (118.4mm) sono stati gli unici a superare i 100mm tra tutti quelli considerati nell'isola.

Nella zona di Cagliari spiccano i valori di Villasor (84,1mm), di Capoterra (77,2mm) e del capoluogo stesso (70,1mm). In Campidano si superano i 60mm solo nel settore occidentale della pianura, mentre ai margini orientali si scende al di sotto di questa soglia (in Trexenta Guasila regitra 50mm); Guspini, nel margine occidentale della pianura, a ridosso del Monte Linas, ne registra 78,8.

Le località più piovose sul massiccio del Gennargentu sono state Fonni (86,3mm) e Tonara (84,8mm); sul Marghine-Goceano si rilevano 84,8mm a Illorai e 88,2mm a Nule. Nella zona del Limbara si sfiorano i 100mm a Luras (98,6mm), mentre Tempio chiude il mese con appena 63mm.

Nel Sassarese continua il periodo leggermente sotto la media pluviometrica: Sassari (55,6mm), Ittiri (71mm) e Usini (45,2mm) chiudono il mese sottomedia, mentre leggermente sopra la media è risultata la zona di Stintino (54,8mm).

Risulta bel al di sotto della media la zona che va dal Gennargentu fino a tutto il Nuorese ed è qui che si registrano i minimi pluviometrici per questo mese di febbraio: Oliena (35,4mm) e Dorgali (34,2mm) registrano un'anomalia negativa di oltre 50mm.

In Ogliastra Bari Sardo ha registrato 75,5mm, dato che risulta quasi identico alla più alta Lanusei (78,8mm); Villanova Strisaili chiude il mese con 62mm di accumulo.

L'Oristanese costiero chiude sostanzialmente in media, mentre all'interno l'anomalia negativa diventa più significativa; tra i dati ricordiamo Oristano con 63,5mm, S'Archittu 31,5mm (minimo assoluto isolano), Asuni 67,1mm e Milis con 58,8mm. Il massimo si registra a Scano di Montiferro: 86,2mm.

Quasi tutto il mese è stato caratterizzato da un costante flusso occidentale, interrotto saltuariamente da pause anticiloniche; i maggiori quantitativi pluviometrici si sono registrati nei giorni a cavallo tra prima e seconda decade, quando un'irruzione di aria fredda dal nord Atlantico ha determinato l'approfondirsi di una depressione in sede Mediterranea, la quale ha causato i maggiori apporti precipitativi del mese (quasi i 40 mm in 24 ore registrati dalla stazione Davis di Iglesias).
Un altro episodio ha interessato con maggiore intensità il settore orientale dell'isola intorno alla metà del mese: le piogge, avutesi sotto correnti sciroccali, hanno determinato fino ad oltre il 50% dell'accumulo mensile in sole 24h (40.3mm a Bari Sardo il giorno 16 e 75.5mm il totale mensile), in linea con le caratteristiche pluviometriche di questo settore dell'isola.

Ecco la mappa della distrubuzione delle precipitazioni in febbraio:


Mappa dell'anomalia pluviometrica, espressa in millimetri:

Un'immagine riferita al ciclone, con minimo sulla Sardegna, del 10 febbraio 2010


Situazione in quota il giorno 12 febbraio 2010: l'irruzione di aria polare marittima (con isoterme di -35°C a 500hPa) determinerà la formazione di un nuovo ciclone nel Mediterraneo, centrato sul Golfo di Nizza (Nizza Low) che porterà neve fino al piano in Sardegna.

Sardegna Clima Onlus - Cod. Fisc. 93040750916 - Sede Legale: Via S.Satta 1 - 08023 Fonni (NU) - Contatti: E-mail. info@sardegna-clima.it

Top Desktop version