Sardegna Clima Onlus

Switch to desktop

Le piogge in Sardegna: FEBBRAIO 2014

imgFebbraio 2014 sarà ricordato per l'assenza quasi totale di eventi meteorologici invernali: temperature miti e un lungo periodo anticiclonico hanno denaturato ciò che storicamente è questo mese per la nostra isola. La vera assente è stata la neve, che in questo periodo dell'anno è evento predominante in montagna e evento frequente in alta collina.

 

 

Aspetti sinottici

Come detto, durante la seconda decade e buona parte della terza l'anticiclone subtropicale, come una cupola infrangibile, ha dominato il tempo sull' Europa occidentale bloccando di fatto l'ingresso delle perturbazioni atlantiche sul Mare Nostrum.

La prima decade è stata invece caratterizzata da tempo perturbato, con correnti occidentali che hanno favorito in temini pluviometrici i settori dell'isola esposti a tale flusso, sulla falsa riga di quanto accaduto in gennaio. L'ingresso di una nuova saccatura nord Atlantica negli ultimi giorni del mese, a carattere moderatamente freddo, ha interrotto il periodo mite e secco e ne ha aperto uno fresco e piovoso, con la neve che durante i primi giorni di marzo ha fatto nuovamente la sua comparsa fino ai 700 metri di quota.

 

Distribuzione delle precipitazioni sul territorio

In termini pluviometrici gli effetti sul territorio si sono tradotti in accumuli importanti sul settore nord-occidentale dell'isola (in particolare Montiferru, Planargia e Logudoro a dispetto di una significativa penuria di precipitazioni sul settore orientale dell'isola e sulle zone in ombra pluviometrica rispetto al flusso umido occidentale (Gallura orientale, Baronie, Ogliastra, Sarrabus, Cagliaritano).

 

Il valore mensile più elevato si registra ancora una volta sul Montiferru: il pluviometro di Badde Urbara ha registrato 217,6 mm; i pluviometri di Scano di Montiferro (159,6 mm) e Montresta (129,8 mm) confermano l'abbondanza di precipitazioni che ha interessato questo settore dell'isola. Più a nord, Villanova Monteleone si conferma località ben esposta al flusso umido occidentale (159,4 mm).

 

In centro Sardegna i 100 mm si superano solo in Barbagia e nel Guilcer: Desulo (141,5 mm) e Ghilarza (125,6 mm) sono i pluviometri più piovosi in questo settore.

 

Altra zona non nuova a ricevere precipitazioni relativamente abbondanti con flusso da ovest è quella dell'Iglesiente: si segnalano infatti i 111,2 mm di P.ta San Michele a Iglesias.

 

La zona più secca dell'isola è stata il Sarrabus: Muravera (2,4 mm) e San Vito (3 mm) risultano le località nel fondo della classifica pluviometrica mensile. Per Ogliastra e Baronie sono i pluviometri di Baunei (3,8 mm) e Orosei (7,8 mm) a confermare l'assenza quasi totale di pioggia in questi territori. Nel sud dell'isola infine si segnalano i 18 mm di Cagliari, i 14 mm di Flumini di Quartu, i 16,5 mm di Macchiareddu.

 

La mappa che segue riassume graficamente la distribuzione spaziale delle precipitazioni per questo febbraio 2014:

 

Nonostante le anomalie termiche e bariche, nella metà dell'isola le precipitazioni sono risultate in media o al di sopra. 

Importanti surplus pluviometrici si registrano su Planargia e Logudoro (fino al doppio della media) mentre il deficit più elevato si registra su tutto il settore orientale, dove è piovuto solo il 40% rispetto alla media, con punte negative del 5%.

 

 

L'andamento climatico del mese ha favorito un anticipo nella fenologia delle essenze vegetali, che si è tradotto in un abbondante disponibilità di biomassa sui pascoli e in fioriture anticipate delle specie più precoci.

 

Ringraziamo vivamente Roberto Biddau per la cura nella raccolta dei dati pluviometrici.

 

27 marzo 2014 - Dario Secci

Sardegna Clima Onlus - Cod. Fisc. 93040750916 - Sede Legale: Via S.Satta 1 - 08023 Fonni (NU) - Contatti: E-mail. info "at" sardegna-clima.it

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookie tecnici per rendere la vostra navigazione più facile ed intuitiva.

I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.